Quando conviene il consolidamento debiti

Nel corso della vita può capitare di avere più finanziamenti in corso e si hanno difficoltà nel pagarli, in tal caso allora si può ricorrere al cosiddetto consolidamento debiti per avere soltanto una rata maxi. Ecco le informazioni sul consolidamento debiti: vantaggi e svantaggi.

Con l’incremento della possibilità di contrarre un finanziamento per acquistare beni, si incrementa pure il numero delle rate da dover corrispondere ogni mese che vanno ad incidere sul bilancio familiare. Ciò accade pure perché con il progredirsi della crisi e del costo della vita, alle mensili rate vanno ad aggiungersi le spese impreviste che magari non erano state considerate quando è stato sottoscritto il contratto finanziario.

Quando si presentano difficoltà a pagare le rate, la soluzione che spesso viene proposta dalle banche è rappresentata dal consolidamento debiti che consente la riduzione del mensile importo da dover pagare ed incrementare il piano di ammortamento.

Il consolidamento debiti va ad estinguere il debito residuo totale di tutte le finanziarie contratte e il soggetto andrà così a pagare un finanziamento nuovo mediante una rata unica di importo minore e con un piano di rimborso caratterizzato da un termine di durata superiore, si tratta di un necessario meccanismo per la riduzione della somma mensile da dover pagare.

Il consolidamento debiti rappresenta la migliore soluzione per chi dovrebbe corrispondere le rate mensili di più prestiti e non riesce a poter raggiungere l’importo necessario: i finanziamenti verranno estinti in una soluzione unica mediante il capitale di un nuovo prestito che sarà dilazionato ogni mese a seconda della rata sostenibile maggiormente.

Chi si trova in una situazione di difficoltà economica, il consolidamento debiti è l’ideale, perchè consente di non andare ad incorrere in aumenti della rata mensile, nel corrispondere penali oppure nel pignoramento del bene anche se ci sono svantaggi legati alle condizioni, all’eventuale rischio insolvenza ed al tasso di interesse.

Quando si va a richiedere il consolidamento debiti si è effettuato già il pagamento di una quota dei finanziamenti, si sono già sostenute le spese di apertura pratica ed i relativi costi aggiuntivi, si è già pagata la polizza assicurativa rischio-impiego per sottoscrivere i prestiti personali in corso. Tutti questi oneri già sostenuti e le spese aggiuntive di ciascun finanziamento vengono persi, difatti, il contratto di consolidamento debiti ha in previsione altre spese tipiche dell’apertura di un finanziamento nuovo.

Il consolidamento debiti permette dunque, la riorganizzazione della propria futura situazione finanziaria ma non rappresenta un aiuto nella situazione propria finanziaria attuale.